Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più  clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Week end Isole Toscane: Giglio e Giannutri

corda 1070

 

Week end in barca a vela Isole Toscane Giglio e Giannutri o Elba.

Mare blu isole toscane

....Arrivi in barca il venerdì pomeriggio e scendi la domenica. A terra rimangono gli impegni quotidiani e lo Stress.

L'esperienza del week-end in mare è fantastica se vuoi cambiare vita per qualche giorno!

Puoi scegliere se partire da solo o in coppia, per conoscere nuove persone, oppure se formare il gruppo e riservare una barca tutta per te o ancora, partire con i tuoi amici e incontrare altre persone che condividono l'attrazione verso la vela.

"La partenza il venerdì pomeriggio è stata scelta per aiutare l'equipaggio a prendere confidenza con la barca e i compagni di viaggio fin da subito.

I nostri Comandanti, con anni di navigazione alle spalle, conoscono i migliori itinerari per condurvi con la massima sicurezza nei luoghi che vorrete.

Il percorso e le soste, in rada o in porto, sono infatti scelte dal gruppo durante la navigazione"

Non hai che scegliere il periodo, prenotare e lasciarti avvolgere dal vento e dal fascino di una vacanza in barca a Vela.........

Week End al Giglio e Giannutri.

Torre Campese Giglio

Appuntamento il venerdì alle ore 15:00 presso il porto di imbarco dove vi attenderà la Barca e lo Skipper.

Quando tutto il bagaglio e cambusa saranno imbarcati, si molleranno gli ormeggi e si farà rotta per l'isola dei gabbiani - Giannutri, dove daremo fondo all'ancora in una tranquilla e ridossata da vento e mare, per cenare e trascorrere la serata in compagnia dei ridenti gabbiani....

scogliere mare navigazione

...si dice che l'Isola di Giannutri particolarmente selvaggia, è un paradiso !

Un paradiso per i subacquei per il suo mare incontaminato, per gli amanti della natura perchè si trova in un'oasi di verde... con affascinanti sentieri senza macchine.. oltre ad essere sito archeologico.

Il Sabato si salpa alla volta del Giglio distante 3 miglia marine. Il porticciolo, il Castello e la spiaggia sono molto attraenti.

La Domenica dopo una colazione si salpa per far vela verso il porto di sbarco, con arrivo previsto per le ore 18:30

Prenota ora!

L'Isola di Giannutri fa parte del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano ed e stata dichiarata Parco Marino ed è quindi particolarmente protetta e controllata dalle autorità:

Nella Zone 1 fino a 1 km dalla costa è vietata la pesca, la navigazione, l'accesso, la sosta, l'ancoraggio e l'immersione.

Nella Zone 2 la pesca è regolamentata dall'Ente Parco. Principalmente è proibita la pesca e la caccia subacquea. Ai residenti è consentita la pesca sportiva con la canna e la lenza, mentre per i non residenti è necessaria l'autorizzazione dell'autorità marittima.

crociere in barca a vela giannutri zone

E' consentito l'attracco di barche a motore e la permanenza in rada per la notte nelle aree di Cala Maestra e di Cala Spalmatoio.


 L'Arcipelago delle isole Toscano e formato dalle isole di Giglio e Giannutri già visibili dalla costa Laziale, da Civitavecchia e dai monti della Tolfa.

Nata 4,5 – 5 milioni di anni fa, il Giglio, deve alla sua posizione geografica "strategica" l’origine della sua storia avventurosa e contesa.

Già abitata dall’età della Pietra e successivamente scelta dagli Etruschi come probabile avamposto militare, Il Giglio visse uno dei momenti di maggior splendore sotto il dominio Romano della Famiglia dei Domizi Enobardi, proprietari della monumentale Villa patrizia sita in loc.Castellari, (oggi visitabile soltanto la cetaria) diventando un nodo marittimo fondamentale negli scambi fra le Province, come dimostrano i numerosi relitti nelle acque antistanti l’Isola, e le menzioni nella letteratura dell’epoca (Giulio Cesare "De Bello Civili I" – Plinio "Historia Naturalis" – Antonino Augusto "Itinerarium Maritimum" Rutilio Namaziano).

Nell’805 Carlo Magno donò l’Isola all’Abbazia delle Tre Fontane, ma dopo varie vicende passò agli Aldobrandeschi, ai Pannocchieschi, ai Gaetani, agli Orsini e al Comune di Perugia. Nel 1241 nelle acque Gigliesi, la flotta di Federico II distrusse quella Genovese che portava a Roma i Prelati per il Concilio convocato da Gregorio IX contro lo stesso Imperatore.

Dal 1264 l’Isola fu tenuta dai Pisani, ai quali si deve la struttura urbanistica di Giglio Castello.

castello isola del giglio

Nei secoli successivi, l’Isola subì numerose dominazioni compresa quella dei Medici di Firenze dagli inizi del XV secolo .

Purtroppo in quel periodo, l’Isola subì numerose scorribande saracene, una delle più disastrose ad opera del Pirata Khair ad-Din detto il Barbarossa. Il 18 novembre 1799 segna la fine delle incursioni barbaresche nonché l’eroica vittoria dei Gigliesi contro i "Turchi".

Da questo momento inizia un periodo più tranquillo, che favorì una ripresa economica e demografica, con la ripresa dell’attività agricola e con l’inizio dello sfruttamento minerario (limonite, ematite, pirite) e l’apertura delle cave di granito, attività, entrambi, già in auge ai tempi dei Romani (molte colonne dell’antica Roma, e di alcune Basiliche italiane sono in granito del Giglio). In seguito alla chiusura della miniera di pirite nel 1962, ebbe inizio l’attuale realtà dell’Isola del Giglio: l’avventura "turismo".

Cartina isola Giglio

Da non dimenticare che il nome GIGLIO non deriva dal fiore né dalla dominazione Fiorentina, ma deriva dalla latinizzazione del vocabolo greco Capra ovvero Aegilium : Isola delle Capre.

 

silhouette2 Tuttiaprua  Charter & Sailing - Base Nautica: Lung.re Duca degli Abruzzi - Ostia (Rm)  phoneTel 333.2227074 / 338.6714833 - P.Iva 06935421005 - CCIAA  1000274  Rm silhouette2