Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più  clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Week end Isole Pontine

corda 1070

 

Week-end e Settimane itineranti in crociera nelle Isole Pontine Ponza Palmarola e Zannone

Week End Isole Pontine

Appuntamento il venerdì alle ore 15:00 presso il porto di imbarco dove vi attenderà la Barca e lo Skipper. Quando tutto il bagaglio e cambusa saranno imbarcati, si molleranno gli ormeggi e si farà rotta per la misteriosa Palmarola (isola dei Pirati) dove daremo fondo all'ancora in una tranquilla rada per cenare e trascorrere la serata.

L'isola di Palmarola è particolarmente selvaggia, già tappa di transito ed agguato ad opera dei pirati..... offre oggi invece la possibilità ammirare splendide grotte naturali, i cui fondali sono popolati da molte specie di pesci in un'acqua trasparente. Sulle pareti scoscese spesso non è una rarità scorgere caprette isolane che brucano tra i cespugli. Qui si potrà pranzare o cenare in due ristoranti sulla spiaggia, a base di pesce fresco locale. Dopo aver circumnavigato l'isola, si farà rotta verso Ponza, distante 6 miglia. Le rade offrono tranquillità per bagni, pesca subacquea e relax. L'aperitivo è di rigore...... Si potrà scegliere di cenare a bordo, o presso le trattorie locali. Le grotte, le insenature sono uno scenario spettacolare da ammirare nel totale relax che una vacanza in Vela...offre.

La domenica dopo una colazione si salpa per far vela verso il porto di destinazione con arrivo previsto per le ore 18:30.

Prenota ora

L'Arcipelago delle isole Pontine è formato dall'isola di Ponza, Palmarola, Zannone e Ventotene, e quando la situazione meteorologica è particolarmente alterata, si vedono nettamente dalle parte meridionale della costa laziale, da Anzio a Gaeta.

Isola di Ponza

Così per gli abitanti della zona a sud del Tevere, le Pontine rappresentano sin dai tempi più remoti, la meta da raggiungere. Omero nell'Odissea narra il passaggio di Ulisse. Vi si possono trovare addirittura resti neolitici e manufatti di ossidiana età del bronzo. Gli Imperatori Romani vi costruirono ville. L'Imperatore Augusto le apprezzò molto, allargando i suoi interessi fino a Ventotene. E' romano il porto di Ventotene, sapientemente scavato nel tufo, le grotte di Pilato, utilizzate a Ponza come vivaio ittico ed il tunnel di Chiaia di Luna, che attraversando l'isola trasversalmente, dal versante Est al versante Ovest, consente di raggiungere comodamente la splendida spiaggia. Il porto mantiene dal settecento, le stesse comodità e le stesse problematiche, con eccessiva esposizione ai venti del I° quadrante. Di giorno però è più suggestivo, potendo osservare i passaggi d'acqua delle grotte di Pilato ed i resti della villa romana.

Iniziando la circumnavigazione dell'isola verso Sud, ci sono i Faraglioni della Madonna, la grotta di Ulisse e gli altri Faraglioni del Calzone Muto. Dopo la Punta della Guardia all'estremo sud, che si erge per 280 metri slm, sovrastata dal Faro, Punta del Fieno, che delimita la spettrale bellezza di Chiaia di Luna, dalle pareti di colore cangiante. Dopo Monte Faraglione si arriva a Cala Feola con le famose piscine. Proseguendo verso Nord poi la costa è molto frastagliata, fino ad arrivare al passaggio tra Ponza e l'isolotto di Gavi con gli Scoglietelli. Riscendendo verso Sud la costa è splendidamente variopinta fino all'Arco naturale che precede due baie stupende: Cala d'Inferno, divisa dai Faraglioni del Parroco, e Cala Core.

A circa sei miglia dalla Punta della Guardia, c'è l'isola che da molti è considerata la più bella del Tirreno: Palmarola, molto affascinante perchè disabitata. Tra i faraglioni e calette dalle acque cristalline, si apre sul versante Ovest la Cala del Porto, ove offrono ristoro due piccoli ristorantini. A Sud dell'isola, Cala Brigantina offre uno straordinario scenario di migliaia di uccelli migratori. Particolare attenzione alla navigazione va posta allo scoglio Cappello, alla Piana di Mezzogiorno e alla secca Zirri, per i bassi fondali dove spesso qualche unità riporta gravi falle allo scafo.

Isola di Palmarola

Più selvaggia è l'isola di Zannone, dalla vegetazione lussureggiante, oggi Area Naturale riservata, che la caratterizza e che certamente era presente su tutto l'arcipelago, prima che i romani ne facessero materiale per le loro navi.

Isola di Zannone

Particolare è Ventotene, con il paese costruito nel raggio di 600 mt. dal porto romano scavato nel tufo. L'Isola mantiene ancora piccole strade e vicoli da dove è possibile apprezzare la sua semplicità, la naturalezza e gli scorci, come la spiaggia di Cala Nave, la spiaggia di Parata Grande e con buona visibilità l'isola di Ischia distante 24 miglia. Di grandissimo interesse sono le vestigia romane di villa Giulia e quelle perfettamente conservate delle varie cisterne romane, sapientemente realizzate per conservare l'acqua piovana raccolta con un particolare trattamento del terreno a monte: il "Cocciopesto". Rinomata è la coltivazione della famosa lenticchia di Ventotene, che in fioritura primaverile, lancia un richiamo olfattivo irresistibile. A terra se ne potrà gustare il delicato sapore e la leggerezza della sua pelle. Ad un solo miglio da Ventotene si trova l'isola di Santo Stefano, un grosso scoglio di un paio di chilometri di perimetro, sormontato dal penitenziario Borbonico chiuso negli anni '60, dove soggiornarono anche Pertini e l'anarchico Bresci.

Isola Ventotene

 

silhouette2 Tuttiaprua  Charter & Sailing - Base Nautica: Lung.re Duca degli Abruzzi - Ostia (Rm)  phoneTel 333.2227074 / 338.6714833 - P.Iva 06935421005 - CCIAA  1000274  Rm silhouette2